Da una nuova consapevolezza nasce oggi il bisogno e l’obbligo, di un nuovo orientamento verso le nuove tecnologie per una agricoltura sostenibile.
Le colture intensive infatti , hanno prodotto danni importanti ed evidenti problemi ambientali.

Le nuove tecnologie, sempre più attente alle problematiche dell’ ambiente, consentiranno di vincere la sfida di riqualificazione dei terriori.

L’utilizzo in campo dei nuovi Sistemi Informativi Geografci  e tecnologici diventa mezzo supporto e soluzione operativa, nella viticoltura di precisione.

Si ha  contemporaneamente un enorme aiuto per il miglioramento qualitativo delle produzione e per la tutela dell’ ambiente.

Sappiamo che il comparto vitivinicolo, nell’agricoltura italiana, occupa un posto di notevole importanza economica.
L’utilizzo delle nuove tecnologie ne favorirà di certo l’ulteriore incremento.
Possiamo dire che sono già in atto applicazioni d’eccelenza nelle zone vocate da nord a sud del territorio italiano.
Triveneto , Friuli e Sicilia costituiscono un esempio.

Le zonazioni aziendali, le tecnologie gis e sapr rappresentano la viticoltura e l’agricoltura non più del futuro, ma già del presente per alcune realtà che concorrono a creare un ‘”prestigio” della propria filiera e un posizionamento di rilievo sul mercato nazionale e internazionale.