Internet of Things (IoT) approda in campo. Sempre più agricoltori oggi utilizzano tecnologie wireless con l’obiettivo di aumentare efficienza e qualità delle proprie produzioni.
Lo sviluppo di soluzioni intelligenti per l’agricoltura, volte a soddisfare le crescenti esigenze dell’alimentazione globale, appare come una sfida per gli ingegneri di tutto il mondo.

L’IoT (Internet of Things) costringerà il settore a ripensare i processi e richiederà l’implementazione di nuove tecnologie (sensori, reti wireless, applicazioni / piattaforme) per l’elaborazione e l’identificazione di una grande quantità di dati rilevati in campo ed utilizzabili a sostegno dell’ agricoltura.
Sarà  di fatto più semplice raggiungere obiettivi quale una migliore produzione in termini di qualità e quantità con evidenti risparmi.

Vi è un’ampia varietà di sensori / reti di sensori wireless (aeree, terrestri, satellitari) attualmente sul mercato, e ognuno di essi ha uno scopo unico.
Ecco i punti da focalizzare per individuare le reali esigenze di ogni singolo produttore:

  • Comprendere la sfida / problema che si sta cercando di risolvere.
  • Identificare i punti necessari del come si intende operare in campo  per risolvere la sfida.
  • Identificare l’hardware necessario per la raccolta di tali dati.
  • Identificare la soluzione software necessaria all’analisi e all’ elaborazione dei dati.
  • Tenere in considerazione quanto spesso è necessario raccogliere i dati.
  • Determinare il tipo di connettività necessaria per inviare e ricevere i dati.
  • Selezionare le opzioni di connettività e i potenziali provider IoT.

La diffusione ed integrazione dei sistemi IoT (Internet of Things) porterà di certo “l’agricoltura intelligente” a  prendere il sopravvento sui sistemi tradizionali poco adatti alla tutela dell’ambiente, vale la pena investire sul futuro.

Trovi qui l’articolo esteso