Tracciabilità e sicurezza alimentare sono da tempo temi di grande importanza per i consumatori.

L’Italia è il primo Paese dell’Unione Europea per numero di prodotti Dop, Igp e Stg e oggi più che mai tracciare, proteggere e valorizzare tante qualità è di fondamentale importanza.
Nuovi alleati facilitano il raggiungimento dell’obiettivo, Internet of Things, cloud, sensori e droni riscrivono le tecniche di gestione, raccolta, produzione, trasformazione e ottimizzazione delle filiere permettendo l’identificazione dei prodotti nell’intero processo e garantendo il prodotto finale da eventuali sofisticazioni con straordinaria semplicità.

Le analisi condotte su diversi  case study evidenziano e confermano le grandi potenzialità delle tecnologie applicate all’ agricoltura mettendo in luce una più elevata qualità dei prodotti e maggiori garanzie su processi produttivi (tracciabilità) e sicurezza alimentare.

Tutte le soluzioni tecnologiche adottate in campo hanno dunque un denominatore comune: la qualità alimentare e ambientale e diventano grandi alleati per quei produttori che mirano ad elevati standard della propria produzione con un basso impatto sull’ambiente.

L’utilizzo di tecnologie nel settore agrifood ha dunque grandi potenzialità ma ancora poco sfruttate.
A conferma di quanto detto vi invitiamo ad approfondire visionando i dati presentati dall’Osservatorio Smart AgriFood della School of Management del Politecnico di Milano e del Laboratorio RISE dell’Università degli Studi di Brescia durante il convegno “Coltiva dati. Raccogli valore. La trasformazione digitale dell’agroalimentare”.